Le origini del movimento Naturista nel Mondo - 2021

Le origini del movimento Naturista nel Mondo-2021

tratto da FOCUS trimestrale INF-FNI Gennaio 2021

La dottrina naturista "non è il sogno moderno di pochi visionari entusiasti", spiega il dottor Joseph Poucel nel suo libro "Naturist or the Health without Drugs" (1953). Secondo lui si potrebbe risalire a Pitagora (VI secolo a.C.), per identificarne le origini. Combinando sport e spiritualità, il suo sistema educativo mirava a riunire il corpo e la mente dei suoi simili. Un insegnamento, che annuncia Ippocrate (460-377 a.C.), con l'antica idroterapia e la cura delle malattie. L'elioterapia è stata utilizzata ei suoi benefici sono stati riconosciuti fin dall'antichità tra i Greci e i Romani (Plinio il Vecchio).
Trascurato durante il Medioevo, riapparve nel XVIII secolo, grazie alle opere di Pomme in Francia (1763), poi nell'Ottocento sotto la guida di Giannini in Italia, da Flyer e Carrié in Gran Bretagna, dal Dr Gillebert -Dhercourt, direttore di un centro di elioterapia a Nancy (1840), da Hahn così come da Priessnitz in Germania. Ma il più emblematico è l'austriaco Arnold Rikli, il “dottore del sole”, autore del libro “Natural Medicine and Sunbathing”. Intorno al 1830 aprì sulle montagne triestine un istituto di “cura atmosferica”, operante da più di vent'anni. Il sacerdote tedesco Seb Kneipp (autore di "Il mio trattamento dell'acqua o igiene medica per la cura delle malattie e la preservazione della salute", edito nel 1891), dichiara di essere guarito da un "sempre crescente languore degli arti" facendo il bagno nella Danubio due o tre volte alla settimana nell'inverno del 1849. Nella prima metà del XX secolo, il dottor Rollier curò con grande successo la tubercolosi ossea prendendo il sole sulla terrazza di un sanatorio di montagna a Leysin (Svizzera). Oltre alla tendenza igienista, si può vedere, nel corso dei secoli, una tendenza alla ricerca della semplicità e della verità attraverso la nudità completa.
Molto diverso da il naturismo come lo conosciamo, e senza alcuna influenza sul resto della società, gli Adamiti, cristiani "eretici", sono, nonostante il loro carattere di ultra minoranza, rappresentanti della persistenza di questa tendenza tra il III e il XIX secolo d.C. . Vivevano in modo frugale, praticando riti religiosi essendo totalmente nudi come Adamo ed Eva, in tutti i generi misti. San Francesco d'Assisi (1181-1226), cristiano non eretico, si trovò in questo movimento attraverso la sua manifestazione in Piazza di Assisi quando si spogliò nudo per dimostrare la sua evoluzione spirituale verso la ricerca di uno stile di vita che egli considerato più autentico, mentre era figlio di una ricca famiglia. Voleva "seguire il Cristo nudo essendo nudo lui stesso". Quanto alla parola "naturismo", è stata utilizzata per la prima volta da Théophile de Bordeu nel 1768 nel suo libro "Ricerca sulla storia della medicina", pubblicato a Liegi, come parte delle sue tesi presso la Facoltà di Medicina di Montpellier in Francia.
Questa medicina naturista parte dal presupposto che la natura non è solo la base della vita, ma anche che governa il suo funzionamento molto più profondamente di quanto appaia, sia per quanto riguarda le malattie che per ciò che ci mantiene in vita. Questa scienza fa degli organi la sede delle manifestazioni vitali. Si tratta di prendere la natura come guida, da qui la parola "naturismo". Qui, "natura" è equivalente alla nostra natura interiore, che significa la forza che ci mantiene in vita. La natura funziona come un potere curativo come il precetto ippocratico “vis naturae mediatrix” (forza mediatica della natura). Questa igiene medica è tanto un ritorno alle tradizioni ippocratiche quanto un critico sociale.
Durante il XVIII secolo, ci siamo allontanati sempre di più da un artificio Origini delmovimento naturista nel mondo 6 tratto da FOCUS trimestrale INF-FNI Gennaio 2021 in opposizione al codice aristocratico. L'abbigliamento non è più l'unico baluardo contro il cattivo odore di sudore (miasma). La pelle, liberata dal trucco e da altre polveri, consente il rilascio di forze vitali per provvedere alla propria sopravvivenza. Intorno al 1853, con la Società di Idrologia Medica di Parigi, gli idro terapisti si avvicinarono ai promotori dell'idroterapia, creando così un corpo di igiene a scopo sociale, dando vita alla fisioterapia. I diversi metodi di rigenerazione dell'essere umano che sono l'aero terapia (trattamento dell'aria di montagna), l'elioterapia, la climatoterapia e l'idroterapia, portano la comunità scientifica a riflettere sulle proprietà dell'aria di mare.
Questa combinazione di terapie darà vita alla moderna talassoterapia per combattere, inizialmente, patologie croniche come rachitismo, tubercolosi, tisi polmonare o noduli (scrofola). Questi trattamenti hanno sempre avuto una predisposizione naturista, nel senso che si è cercato di indurire i pazienti a contatto con la natura e i suoi elementi, in modo da stimolare le loro difese ad evacuare il miasma. Gli esempi più noti in Francia sono a Berck, dove il dottor Duhamel espose all'aria di mare bambini affetti da rachitismo nel 1857; ad Arcachon, negli anni 1860, che divenne luogo di cura per i malati di tubercolosi; a Hyères dove nel 1880 il dottor Vidal crea un sanatorio di talassoterapia e anche a Marsiglia con l'abate Legré nel 1907.
L'idroterapia ha reso le persone consapevoli dell'esistenza della pelle, una volta vergognosamente nascosta sotto gli strati di indumenti, e della necessità di lavarsi regolarmente. In questo modo troviamo nel 1843, nel libro “Therapeutics and Dietetics of Cold Water” del dottor Geoffroy, allievo di Priessnitz, una severa critica all'abbigliamento, ai letti eccessivamente coperti, alle abitazioni fatiscenti e chiuse. In un'ansia di protesta generale, i seguaci del Kneippismo si opposero anche ai modi di vestire, che tormentano e deformano i corpi.
Allo stesso modo, la nozione di temperanza e di ponderazione rispetto al cibo sarà uno dei temi ampiamente sviluppati dai fratelli Durville e dal dottor Poucel nel XX secolo. Questa interpretazione di una salute dipendente da uno stile di vita sano è un punto di svolta nella scienza medica del XIX secolo e sarà la base dei medici naturisti del XX secolo. Élisée Reclus, il padre del naturismo moderno Con l'eccezione di Walt Whitman, che aveva una vita di campagna solitaria in totale nudità nel Dakota dal 1836, determiniamo le basi del pensiero naturista in Europa, con il geografo e filosofo francese Élisée Reclus (1820-1905), il cui esempio, le lezioni e gli scritti pesano molto di più dei terapisti specializzati sopra menzionati. Storicamente, è quindi la nudità completa che ha caratterizzato gli inizi del naturismo.
Élisée Reclus, il primo teorico di alto livello su questo argomento, sia per l'aspetto sociale che per quello igienico, era anche un praticante con la famiglia e gli amici e non aveva mai pianificato di indossare il costume per il nuoto. Un geografo geniale, le sue opere letterarie sono un misto di analisi scientifiche tinte di poesia, che descrivono meravigliosamente le bellezze dell'universo, come "Storia di un fiume" (1869) o anche "La nuova geografia universale" (1875-1894).
Un filosofo anarchico che si oppose a Napoleone III, la sua personalità ribelle, completamente rivolta alla libertà degli uomini, non poteva che scegliere una vita libera da ogni apparenza superflua e falsa. Nella sua opera postuma "L'uomo e la terra" (1905), dà la sua visione di un rapporto tra uomo e natura, che servirà come base per il pensiero naturista del XX secolo. Molti lo considerano il "padre fondatore del movimento naturista". Tra medicina moderna e rivoluzione pastoriana Rinforzate dall'immunologia, le tesi della medicina naturista tornano all'inizio del XX secolo. Consolidati dalle paure derivanti dall'era industriale, si uniscono alla visione ideale di una società solare, inondata di aria pulita e luce. A poco a poco, l'idroterapia, così come l'aeroterapia, l'elioterapia o la fisioterapia, scivolano verso una concezione igienica della medicina, ispirata al neo-ippocratismo, dove la nudità assume sempre più importanza.
Furono i medici naturisti, dal 1911 con Demarquette e il "Train d’Union", e i Durvilles con il loro istituto naturista nel 1913, ad attualizzare queste preoccupazioni. Grazie a questo lavoro di sensibilizzazione sull'igiene e la salute, Léo Lagrange, primo vicesegretario di Stato per lo sport e il tempo libero, dichiarò nel luglio 1936 sulla rivista "Naturismo", apprezzando "la preziosa utilità del movimento naturista" e invita il Durville Doctors per contribuire al lavoro che ha intrapreso riguardo all'organizzazione delle attività per il tempo libero. Possiamo quindi presumere che, con lo storico Arnaud Baubérot, questa nuova attenzione al corpo abbia preparato la popolazione a modificare le proprie abitudini alimentari e di vestiario, o almeno ad avere una mente critica rispetto alle regole di etichetta imposte dalla borghesia.
Per riassumere grossolanamente, diciamo che gli idro terapisti e i loro clienti hanno aperto la strada agli igienisti naturisti, che potevano discutere più facilmente dell'esposizione del corpo nudo all'aria libera. La Germania e la sua cultura libera Alla fine del XVIII secolo e all'inizio del XIX, l'idealismo storia del naturismo 7 tedesco (Kant, Fichte, Hegel), si basa sui valori del rispetto della libertà di coscienza e delle libertà individuali molto presenti nel protestantesimo, in modo da sviluppare il concetto di autonomia della ragione individuale.
Nel suo corso di filosofia, Hegel si associa al culto della ragione essendo molto importante per l'antica Grecia, che chiama la "Religione dell'Arte", e le sue splendide nudità statuarie. La nozione di dignità del corpo emerge, fortemente rafforzata. Ma il concetto di Natura-Filosofia sviluppato da Schelling, un altro filosofo tedesco dell'epoca, viene spesso frainteso (ad esempio questo grave errore è apparso su Wikipedia, il 6 settembre 2020, nell'articolo “Lebensreform”); non c'è assolutamente alcuna relazione con quello che diventerà naturismo, né con l'amore per la natura. Si tratta infatti di una vera regressione del pensiero scientifico, fenomeno molto sorprendente tra gli apostoli della ragione. Insomma, questo concetto si oppone all'eliminazione, da parte del progresso del pensiero scientifico, di tutto ciò che può avere un aspetto metafisico, mentre è proprio questa eliminazione che ha permesso progressi sempre più rapidi della scienza. I seguaci della filosofia naturale arrivano al punto di rifiutare persino la matematica come strumento per comprendere e misurare la fisica! Ma in un movimento dialettico, il grande scrittore, poeta e scienziato Goethe (1794-1832), inizialmente vicino alla Natura-Filosofia, se ne liberò arrivando a contestarne il valore scientifico. D'altra parte, Goethe preserva dal suo contemporaneo Hegel il gusto per la statua greca e si bagna nudo nei fiumi. Afferma: "Il vero Uomo è l'Uomo nudo". In questo senso, Goethe può essere considerato un parziale precursore del naturismo. Verso la fine del XIX secolo, le idee di "Lebensreform" (riforma della vita) apparvero in Germania e in Svizzera, che si opponevano agli eccessi e ai fastidi degli inizi dell'era industriale e allo sviluppo scarsamente controllato della vita nelle città . Questo movimento spontaneo non si basa su alcuna struttura organizzata.
Nel 1888 viene creata l'"Unione delle società tedesche per uno stile di vita e la guarigione secondo la natura". Il termine "cultura nuda" è stato inventato da Heinrich Pudor nel 1903, per creare una netta differenza tra nudità e pornografia con le autorità. I “Wandervögel” (uccelli migratori), un movimento giovanile tedesco, applicano poi questo ritorno alla natura attraverso la nudità in comune. Sempre nel 1903 viene fondata da Paul Zimmermann la creazione del primo centro ginnasta: il “Freilichtpark” continuerà a funzionare fino al 1981. L'anno precedente, la rivista mensile “Die Schönheit” (la Bellezza) è la prima rivista naturista del mondo.
Nel 1930, la Germania conta 300.000 membri registrati, la Francia raggiunge a malapena 6.700. La Francia riceve il suo primo centro ginnasta solo nel 1928, con lo “Sparta Club” di Kienné de Mongeot. In questi periodi la Francia ha la particolarità di avere anche centri naturisti “non ginnasti”, cioè con il costume da bagno obbligatorio. Si applicano i precetti alimentari e sportivi della dottrina naturista, ma senza la nudità collettiva.
In Germania, tutti i centri di "Cultura Libera" sono naturisti. Si tratta di un'interpretazione storica non così scontata Avere una cronologia precisa dell'evoluzione sociale, i cui pensieri sono caratterizzati dalla loro ecletticità, è una vera sfida.
Per evitare errori in materia di storia, evitiamo le affermazioni definitive, ma preferiamo i dibattiti aperti. Tuttavia, la maggior parte delle opere dedicate alla storia del naturismo chiudono il dibattito affermando che la Germania è all'origine del movimento naturista. Questa è una scorciatoia deplorevole. Gli esempi di Boucher der Perthes intorno al 1850, ad Abbeville, di De Duhamel a Berck nel 1857, di Élisée Reclus nel 1875, delle comunità naturiste libertarie della Normandia con Émile Gravelle (1895) e Eugène Dufour (1901), di Sirius Gay in 1904 a Bois-Fourgon, di Théo Varlet a Cassis nel 1905, del canonico Legré a Marsiglia nel 1907, precursori francesi, belgi e svizzeri dell'elioterapia e del pensiero medico naturista alla fine del XIX secolo, ce lo dimostrano che si dovrebbe diffidare di questa affermazione. Senza contare che le storie di immersione nella natura con Jean-Jacques Rousseau assumono una dimensione “artistica” attraverso il Reno, che si rivelerà preponderante nello sviluppo della “Freikörperkultur” (cultura del corpo libero).
La Francia aveva i suoi seguaci e i suoi teorici molto prima che sapessimo cosa stava succedendo in Germania. Ciò che era notevole al di là del Reno, era questa nudità chiaramente assunta e mostrata, mentre in Francia gli esercizi fisici venivano spesso eseguiti in biancheria intima, con l '"ebreo" (che era già rivoluzionario per quel tempo). Sul nostro territorio era vietata la nudità totale. Anche al “Levante”, la ginnasta ha indossato una sottoveste, in modo che illustrare le immagini non provocasse scandali.
Per i nostri vicini tedeschi, la nudità era già legale dal 1920. Con noi, questa pratica doveva essere integrata in una giustificazione igienica, al fine di ottenere il sostegno delle autorità. E gli altri paesi? Nel Regno Unito l'evoluzione della morale è avvenuta attraverso lo sport, grazie allo slogan “Per mantenersi in forma”. La pratica regolare di sport come il tennis o il nuoto ha permesso progressivamente un certo allentamento del codice di abbigliamento.
Verso il 1900, un gruppo è stato fondato per praticare la ginnastica integrale nell'Irlanda del sud, mentre un altro gruppo ha svolto attività naturiste nell'Inghilterra del Nord (“Vivre intégralement, 15.02.1932). Questi raggruppamenti furono effettuati sotto la direzione del signor Booth, che nel 1924 aveva fondato la Società ginnosofica, ma che fu sospesa dalle autorità nel 1927, e successivamente furono creati vari piccoli gruppi informali. Nel 1934, l'Inghilterra ospita il primo congresso naturista ufficiale in una villa vicino a Londra (Paris Soir, 4 settembre 1934).
A quel tempo, c'erano duemila praticanti divisi in quindici associazioni. In Svizzera, un ricco erede olandese, Henri Ordenkowe, raggruppò nel 1904 attivisti tedeschi del movimento “Riforma della vita” ad Ascona, su un terreno che aveva acquistato sulle rive del Lago Maggiore. Fondarono la colonia naturista del Monte Verità, una comunità vegetariana anarchica, che nonostante qualche tensione interna, sarebbe esistita fino al 1920. In Spagna, Nicolás Capo (1899-1977) fonda nel 1926 la rivista naturista Pentalfa, che dirige fino al 1937, prima di fuggire dal regime franchista per rifugiarsi in Francia. Alcuni gruppi si formarono come quello di Timba nell'Alta Catalogna, fermato e sciolto dalla polizia su denuncia nel luglio 1933. Fino al 1930, nella giovane Unione Sovietica, i russi facevano il bagno nudi su diverse spiagge, in particolare a Mosca e sul Mar Nero, mentre a volte venivano separati dalle donne. Nel 1924, il movimento denominato "Down with Shame" è stato creato per denunciare la "moralità borghese".
I manifestanti hanno marciato tutti nudi, gridando lo slogan "Noi comunardi non abbiamo bisogno di vestiti che coprano la bellezza del corpo! Siamo i figli del sole e dell'aria! " La presa del potere da parte di Stalin ha posto fine a questa speranza di libertà, gli storici dello stalinismo sottolineano la pudicizia aggressiva del Piccolo Padre del Popolo.
Negli Stati Uniti, una colonia naturista chiamata Élysia si era stabilita sulle colline del Lago Elsinore, in California nel 1993, prima di trasferirsi nella contea di Riverside, dove si ribattezzarono "Campi Olimpici". Hobart Grassey, laureato in psicologia, e sua moglie Laura gestivano questo primo resort naturista, con grande sorpresa delle autorità.
Fu la location del clamoroso servizio trasmesso nei cinema francesi nel 1935: “La valle del nudo”. Notiamo in questa breve retrospettiva che le origini del nostro movimento è più difficile da fissare di quanto sembri, è la sua diversità che lo rende così ricco ed è nostro dovere non dimenticare questo passato e lasciarlo continuare affinché questa libertà possa vivere per le generazioni a venire.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetta