Articoli on line 2010


Naturismo in Sardegna 2010

La Sardegna, tra le grandi o medie isole italiane, è quella che presenta, anche sulle coste (assai meno antropizzate che altrove), la natura più incontaminata.Non mancano le zone ad alta presenza turistica e a notevole cementificazione, ma sono ancora tanti i chilometri di costa liberi e abbastanza integri.E' quindi un'isola destinata a piacere molto ai naturisti che, in media e bassa stagione muovendosi con un minimo di -grano salis-, possono godere di una tolleranza impensabile in altre regioni italiane.E' infatti dagli anni 60 che io, quasi ogni anno, Vi passo un periodo di vacanza senza rinunciare mai alla pratica naturista.All'inizio, anni fa, il naturismo libero era facilissimo anche in alta stagione per la presenza di innumerevoli spiagge quasi deserte e per l'atteggiamento molto tollerante dei pastori e contadini sardi che di tanto in tanto si incontravano nonché del personale delle varie stazioni forestali o di bonifica. Ora non è più così facile.In alta stagione, a meno di non vantare una consolidata esperienza occorre recarsi o presso il -Club LE PEONIE-(0784 935548) di Dorgali (NU), tra Olbia e Cala Gonone, oppure frequentare le non molte spiagge -sicure- individuate …....

Il Re è nudo ma la spiaggia no 2010

Nel Paese di “Papi, mi presti la escort?” (ovviamente non l'automobile), di una famosa ex calendar- girl divenuta ministro e delle “massaggiatrici” incluse nei bandi dei pubblici appalti, fa certamente un certo effetto sentire, nella puntata conclusiva della stagione di “Che tempo che fa”, la morbosa attenzione suscitata nel conduttore Fabio Fazio dal fatto che Luciana Littizzetto fosse stata in una spiaggia naturista.Fa effetto per varie ragioni, la prima è che nell’emittente più “intellettual chic” del nostro palinsesto, in uno dei programmi più “intellettual chic” ci si ricami sopra così tanto dà da pensare sul livello di apertura mentale del Paese.Capisco se fosse successo su “Sat 2000”, ma su “Rai Tre”…. Al di là di queste considerazioni c’è ben altro da dire, comunque, perché pareva quasi che quella del naturismo fosse una deviazione patologica o contro la morale.A mio modesto parere è ben peggiore il turismo sessuale di tanti insospettabili professionisti che ogni anno riempiono i voli per il Sud Est asiatico e lì, lontano dai benpensanti nostrani….La mia non vuol essere una critica a Fazio in sé, ma al mondo che rappresenta: se …....

Il Naturismo Non si ferma 2010

Riportiamo un estratto della delibera del Comune di San Vincenzo che istituisce un tratto di spiaggia destinato alla pratica naturista. A tutti coloro che hanno contribuito a questo risultato, credendo nel naturismo, vada il ringraziamento e la riconoscenza di tutti i naturisti italiani.COMUNE DI SAN VINCENZO (Provincia di Livorno)COPIA Data  Deliberazione n° 83 in data 24/03/2010  Deliberazione della Giunta ComunaleOggetto: ISTITUZIONE TRATTO ARENILE DA DESTINARE ALL'ESERCIZIO DELLA PRATICA NATURISTAL’anno DUEMILADIECI, e questo giorno VENTIQUATTRO del mese di MARZO alle ore 12.00 nella Residenza Municipale, per riunione di Giunta.COMUNE DI SAN VINCENZO  LA GIUNTA COMUNALE Ricordato che l’art. 8 del regolamento per la gestione del Demanio Marittimo, approvato con delibera C.C. n° 118 del 28/12/2006 prevede la possibilità di individuare alcuni tratti di arenile da destinare a spiaggia libera per utenti specifici; Vista la lettera dell’Ass.ne E.S.N.A. (Ente Sviluppo Nido dell’Aquila) a mezzo della quale richiede che sia autorizzata la pratica del Naturismo presso l’arenile demaniale antistante il Rifugio Nido dell’Aquila, sito nel Parco di Rimigliano.Ricordato altresì …....

A tu per tu col gabbiano (cronache estive) 2010

Erano ormai una decina d’anni che non andavo in vacanza con la famiglia in un centro naturista. Durante tutto questo lungo periodo avevo solo accompagnato mio marito che doveva ottemperare agli impegni federali con puntate di un giorno o due. Venti giorni consecutivi di ferie sono però un’altra cosa.Si ha tempo per pensare, per osservare, per riflettere su dettagli e situazioni che di volta in volta si presentano ai nostri occhi mentre ce ne stiamo sdraiati al sole godendoci i giorni che, come dice la canzone, “passano pigri e lasciano in bocca il gusto del sale”.Ebbene, a distanza di dieci anni (un periodo durante il quale la realtà subisce notevoli modificazioni) due cose mi hanno colpito: primo, l’invasione pacifica e globale dei gabbiani, che stazionano davanti ai bungalow come tranquilli piccioni; secondo, “l’invasione” altrettanto pacifica e altrettanto globale dei nudisti che durante la stagione estiva affollano il centro naturista. In relazione al primo punto, ricordo che una ventina di anni fa circa, quando per la prima volta ero stata a Valalta, quasi non mi ero accorta della presenza dei gabbiani.C’erano, ma si limitavano a pattugliare le sponde oppure …....

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetta